L’autorità che salva – Martedì XXII del T.O.

Paolo Veronese http:/www.tuttartpitturasculturapoesiamusica.com;

‘La sua parola aveva autorità’…
Erano andati per anni in quella sinagoga a Cafarnao, proprio come accade a noi che frequentiamo la liturgia domenicale. Per anni, qualcuno degli scribi si alzava, prendeva un rotolo della Scrittura e poi lo commentava. Parole, parole, parole… parole a proposito e a sproposito e tutto rimaneva come prima. A volte parole urlate, altre volte parole che battono l’aria, comunque, il più delle volte, parole di imposizione. Una precettistica pensata senza mai incrociare uno sguardo e, comunque, sulla pelle degli altri.
Gli scribi ricoprivano proprio il ruolo dell’autorità, ma il loro insegnamento non stupiva più nessuno, fermi com’erano alle leggi, all’interpretazione delle leggi. Parole vecchie, logore, incapaci di mettere in moto alcuno: le loro erano un diluvio di parole da cui salvarsi.
Parole da cui salvarsi o parole che salvano? (cfr. Casati). E’ qui il nocciolo della questione. Qui sta la differenza: differenza enorme!
Parole dette

dall’autorità o parole che hanno dentro un’autorità? Autorità viene dal latino “augere”, che significa aumentare, espandere, promuovere, aprire nuovi inizi, suscitare energie nuove, possibilità nuove.
Per noi l’autorità è stigmatizzata dall’immagine del contenere, del frenare, mettere i paletti, ricordare il codice, le cose di sempre…
Ma cosa aveva di tanto diverso quella parola pronunciata da Gesù? Si trattava di una parola che mentre veniva pronunciata compiva ciò che diceva: una parola che annunciava un Dio diverso, altro, un Dio che non gode nel vedere un uomo attorcigliato su se stesso ma – sabato o non sabato – lo rimette in piedi. A qualsiasi costo. Una parola, quella di Gesù, che non aggiungeva peso a peso, fatica a fatica. Parola liberante anzitutto dalla paura. Gesù non recitava. Forse per questo incantava. Era aderente alla vita, non a una parte da recitare.
In sua presenza si respirava. C’era qualcosa che ti prendeva: parlava di un Dio affidabile, un Dio che non è il nemico del desiderio dell’uomo, che non è colui il cui compiacimento è la mortificazione dell’uomo.

____________

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 4,31-37

In quel tempo, Gesù scese a Cafàrnao, città della Galilea, e in giorno di sabato insegnava alla gente. Erano stupiti del suo insegnamento perché la sua parola aveva autorità.

Nella sinagoga c’era un uomo che era posseduto da un demonio impuro; cominciò a gridare forte: «Basta! Che vuoi da noi, Gesù Nazareno? Sei venuto a rovinarci? Io so chi tu sei: il santo di Dio!».

Gesù gli ordinò severamente: «Taci! Esci da lui!». E il demonio lo gettò a terra in mezzo alla gente e uscì da lui, senza fargli alcun male.
Tutti furono presi da timore e si dicevano l’un l’altro: «Che parola è mai questa, che comanda con autorità e potenza agli spiriti impuri ed essi se ne vanno?». E la sua fama si diffondeva in ogni luogo della regione circostante.

Un commento Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.