Rimanere – S. Brigida di Svezia

Santa BrigidaUna serie di figure femminili costella il cammino della Chiesa in questi giorni di fine luglio. Oggi è la volta di Brigida di Svezia, donna che ha conosciuto l’esperienza dell’essere sposa, madre, vedova non con l’atteggiamento di chi deve spremere la vita in ogni suo momento ma facendo sì che ogni circostanza divenisse occasione per consegnare tutta se stessa. Una vita per Dio, quella di Brigida, capace di superare tutto ciò che potesse rientrare nella categoria dell’abitudine.  A rileggere la vicenda di questa donna è la splendida pagina del vangelo di Gv.

Quella sera, durante la cena delle consegne, a degli uomini che di lì a poco avrebbero patito sulla loro pelle la forza dirompente della dispersione, Gesù rivelava che nessuno di noi è un naufrago dell’esistenza il cui unico appoggio è la zattera del proprio io. Ciascuno di noi è un essere voluto da qualcuno e ciascuno di noi vive nella misura in cui non decide di tagliare il proprio legame con le sue radici. Questo qualcuno per noi è il Signore: senza di me non potete far nulla. Continuamente Dio favorisce innesti facendo che sì che nuova linfa scorra nelle nostre esistenze. Il problema, semmai, è consentirglielo. Egli, infatti, rimane sempre e rimane sempre come colui che non recide il legame con noi.

Per questo Gesù accompagna questa rivelazione con l’invito a rimanere. Perché mai? Forte è la tentazione di dimenticare che questo legame è vitale per noi. Non poche volte a condizionarci è un bisogno di emancipazione da quel legame che, di solito, si risolve soltanto in una amara solitudine. Ogni uomo, sin dalle origini della vicenda umana, conosce sulla sua pelle il sospetto che questo legame con Dio sia mortifero. È la tentazione dell’autosufficienza, quella di essere un tralcio a sé, sebbene reciso dai canali vitali. Una tentazione che non poche volte si traduce come gusto del nulla.

Quella sera, sulle labbra di Gesù, l’invito a rimanere era quello dell’innamorato che implora il suo amore di non lasciarlo, di non andarsene. Il rimanere è il far sì che un incontro diventi relazione, storia. Quanti incontri suscitati da Dio non hanno poi avuto la perseveranza di una relazione!

Per noi che siamo costituzionalmente impastati di fragilità e di instabilità suona un po’ strano questo insistere di Gesù a mettere radici nella stabilità di Dio. E, tuttavia, a suo dire, è l’unica condizione perché la nostra vita sia feconda. Abbiamo disimparato a stupirci, non sappiamo più cosa sia il commuoversi, il dire grazie. Fondamentalmente abbiamo disimparato persino a stare con noi stessi. Pascal sosteneva che “la maggior parte dei guai delle persone proviene dal fatto che non sanno stare fermi un quarto d’ora”.

Come si fa a rimanere in lui? Gesù lascia un criterio valido per ogni generazione di credenti: se le mie parole rimangono in voi. Ciò che verifica la nostra appartenenza a lui è proprio la capacità di essere custodi del suo vangelo, del suo modo di essere, del suo modo di agire, del suo modo di pensare. Questo verifica la mia comunione con lui: se sono o meno uomo/donna della custodia e degli innesti.

Quando le sue parole sono accolte nella mia vita, compiono quell’opera che Gesù chiama potatura. La parola di Gesù rivela la mia distanza da lui e il bisogno di purificare tutto ciò che ha niente a che vedere con lui. Per questo è il credito dato al vangelo che rende la nostra vita capace di portare frutti.

Quello che io compio, quello che io penso, quello che io dico, attesta dove sono le mie radici, a quale canale attingo, quale relazione mi costituisce come persona, dove riposa il mio cuore. E se l’impotenza che stiamo toccando con mano in tutti gli ambiti della nostra esistenza sia una sorta di ultimo appello a diventare consapevoli che forse ci siamo staccati dalla vite vera?

______________

Dal Vangelo secondo Giovanni
Gv 15,1-8

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«Io sono la vite vera e il Padre mio è l’agricoltore. Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo taglia, e ogni tralcio che porta frutto, lo pota perché porti più frutto. Voi siete già puri, a causa della parola che vi ho annunciato.

Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non può portare frutto da se stesso se non rimane nella vite, così neanche voi se non rimanete in me. Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. Chi non rimane in me viene gettato via come il tralcio e secca; poi lo raccolgono, lo gettano nel fuoco e lo bruciano.

Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quello che volete e vi sarà fatto. In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli».

Un commento Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.