Oltre il permesso/proibito – Venerdì XV del T.O.

spighe1È facile ridurre l’esistere a criteri come permesso/proibito. Molto più difficile discernere ciò che è necessario compiere in una determinata circostanza senza restare irretiti nelle maglie asfittiche di una norma che mette a repentaglio lo stesso esistere perché osservata come fine a se stessa.

È facile stare nella vita commentando, osservando, usando addirittura la nostra fede e la stessa Parola di Dio per sostenere le nostre critiche e una visione angusta e legalista della realtà.

La norma dell’osservanza del sabato era stata data non già per creare un comportamento esteriore quanto per custodire la relazione con il Signore che sollecitava l’uomo ad essere signore e non schiavo dell’opera delle sue mani.

La libertà con cui i discepoli si sono nutriti del grano passando nel campo dice che il rapporto con Dio è motivo di vita e non occasione di morte.

Dio vuole una sola cosa, la misericordia: stare nella vita non pareggiando i conti (a tanto, tanto) ma andando oltre il giusto e il dovuto. Amare oltre ogni giustizia.

Gesù ci guarda in faccia e ci chiede di ridare il nome giusto alle cose: la paura ci governa e perciò costruiamo regole per salvarci attribuendole alla volontà di Dio. Mentre, sembra dire Gesù, l’unico dato che ci dà accesso a Dio è proprio il non rimuovere la coscienza della nostra debolezza. Questo Dio che in Gesù entra nella nostra umanità ferita, vulnerabile, debole, indica nel peccato l’uomo da trovare, nella morte la vita da accogliere, nell’impuro il prossimo da recuperare.

‘Se aveste compreso…’. C’è in queste parole di Gesù tutto il rammarico per l’indisponibilità a capire da parte dei suoi interlocutori ciò che viene prima. C’è una Legge da capire ancora e c’è una volontà di Dio da osservare con tutto il cuore. Paradossalmente,  i farisei pretendono di insegnare, ma finiscono per disattendere quanto risultava scomodo rispetto ai loro schemi. Non hanno capito che quando ne va dell’uomo ne va di Dio.

_________________

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 12,1-8

In quel tempo, Gesù passò, in giorno di sabato, fra campi di grano e i suoi discepoli ebbero fame e cominciarono a cogliere delle spighe e a mangiarle.

Vedendo ciò, i farisei gli dissero: «Ecco, i tuoi discepoli stanno facendo quello che non è lecito fare di sabato».

Ma egli rispose loro: «Non avete letto quello che fece Davide, quando lui e i suoi compagni ebbero fame? Egli entrò nella casa di Dio e mangiarono i pani dell’offerta, che né a lui né ai suoi compagni era lecito mangiare, ma solo ai sacerdoti. O non avete letto nella Legge che nei giorni di sabato i sacerdoti nel tempio vìolano il sabato e tuttavia sono senza colpa? Ora io vi dico che qui vi è uno più grande del tempio. Se aveste compreso che cosa significhi: “Misericordia io voglio e non sacrifici”, non avreste condannato persone senza colpa. Perché il Figlio dell’uomo è signore del sabato».

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.