La tua mano è il mio sostegno – 30 aprile – Preghiera personale e familiare

SUSSIDIO PER LA PREGHIERA PERSONALE  O FAMILIARE IN QUESTO TEMPO DI PROVA

30 aprile 2020 

(A cura di don Antonio Savone, Direttore Segreteria Pastorale Arcidiocesi di Potenza-Muro L.-Marsico N.)

Se Dio è per noi, chi sarà contro di noi?

Chi ci separerà dunque dall'amore di Cristo? 

Forse la tribolazione, l'angoscia, la persecuzione, la fame, la nudità, il pericolo, la spada?

In tutte queste cose noi siamo più che vincitori per virtù di colui che ci ha amati (Rm 8.31.35.37).

Introduzione

Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

Il Signore è veramente risorto, alleluia.

Ed è apparso ai discepoli, alleluia.

Preghiamo

O Dio, che in questi giorni pasquali
ci hai rivelato la grandezza del tuo amore,
fa’ che accogliamo pienamente il tuo dono,
perché, liberi da ogni errore,
aderiamo sempre più alla tua parola di verità.

Per Cristo nostro Signore. Amen.

__________

Sal 65

Popoli, benedite il nostro Dio,
fate risuonare la voce della sua lode;
è lui che ci mantiene fra i viventi
e non ha lasciato vacillare i nostri piedi.

Venite, ascoltate, voi tutti che temete Dio,
e narrerò quanto per me ha fatto.
A lui gridai con la mia bocca,
lo esaltai con la mia lingua.

Sia benedetto Dio,
che non ha respinto la mia preghiera,
non mi ha negato la sua misericordia.

___________

Dal Vangelo secondo Giovanni (6,44-51)

In quel tempo, disse Gesù alla folla: «Nessuno può venire a me, se non lo attira il Padre che mi ha mandato; e io lo risusciterò nell’ultimo giorno.

Sta scritto nei profeti: “E tutti saranno istruiti da Dio”. Chiunque ha ascoltato il Padre e ha imparato da lui, viene a me. Non perché qualcuno abbia visto il Padre; solo colui che viene da Dio ha visto il Padre. In verità, in verità io vi dico: chi crede ha la vita eterna.

Io sono il pane della vita. I vostri padri hanno mangiato la manna nel deserto e sono morti; questo è il pane che discende dal cielo, perché chi ne mangia non muoia.

Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo».

___________

Il pane per il tuo viaggio

La vita dell’uomo può essere letta secondo la categoria del viaggio. C’è un viaggio da compiere perché possiamo conoscere Dio in pienezza. C’è un viaggio da compiere perché possiamo conoscere chi siamo fino in fondo come uomini e donne. E prima del traguardo, è affrettato esprimere giudizi sull’uno o sull’altro. Solo alla fine del percorso emerge la verità di quello che siamo.

In questo percorso nulla è banale o accidentale. Lungo questo cammino tutto è materiale prezioso perché sia svelato che cosa c’è nel profondo del nostro cuore, le ragioni che lo animano e le passioni che lo attraversano, le convinzioni che lo abitano e gli ostacoli che lo appesantiscono. In questo cammino un cibo non vale l’altro: ciò di cui ti nutri (il linguaggio è ovviamente figurato), dice la consapevolezza che hai della meta da raggiungere. Per questo è importante discernere ciò di cui ci si nutre perché lungo il tragitto non vengano smarrite motivazioni e ragioni del viaggio stesso.

Il percorso non è anzitutto fisico-geografico ma interiore. Come ogni viaggio, quando la stanchezza o il disorientamento fanno capolino, quando l’imprevisto o l’ignoto fanno la loro comparsa, il rischio è quello di assolutizzare la tappa con la meta: la prospettiva della smentita come quella della fatica, non poche volte ci fanno concludere che è meglio tirare i remi in barca. Non riusciamo a cogliere la parola sottesa a quella situazione che non avevamo messo in conto e, chiusi come siamo nelle nostre consolidate convinzioni, tutto preferiamo riportare alla misura delle nostre certezze, purché nulla ci destabilizzi.

Era accaduto anche agli interlocutori di Gesù bloccati dalla loro statica saccenteria di chi pretende di conoscere, misurare, giudicare secondo i registri di sempre che guarda caso attingono ad un passato a cui è facile fare ritorno: “Di lui conosciamo il padre e la madre…”. Si appellavano ai loro padri nel deserto dimenticando che proprio il deserto era stato l’esperienza all’interno della quale Dio si era manifestato diversamente da come essi se l’aspettavano.

Confrontati con la pretesa da parte di Gesù di essere lui l’unico pane capace di sostenere il cammino dell’uomo, avevano patito lo scandalo della sua persona: come poteva essere forza e ragione per il proprio cammino, uno di cui addirittura conoscevano il padre e la madre? Per questo, l’ostacolo con cui si erano misurati li aveva ridotti alla mormorazione, atteggiamento tipico di chi non riesce più a dare fiducia ad un altro e perciò si ritrova a palesare la propria incredulità. Meglio restare senza cibo piuttosto che assumerne uno che ha tutto il carattere dell’impegnativo. Il mormorare ha nulla a che vedere con il parlare alle spalle: esso rappresenta piuttosto il fermarsi a una lettura superficiale degli eventi e alla pretesa di voler imporre il proprio modo di vedere le cose.

Al dire di Gesù è difficile uscire da questa impasse se non ci si lascia attrarre dal Padre. Se non c’è un credito di fiducia circa il fatto che a Dio stia a cuore la tua vicenda, tutto sarà visto come un impedimento e tutto come un motivo per gettare la spugna anzitempo. Non permettere che ciò che eccede la tua comprensione diventi motivo per concludere che non valga la pena misurarsi con esso. Ti priveresti di una occasione attraverso la quale Dio stesso si sta prendendo cura di te. Quale impedimento sarà più grande del fatto che di lì a poco Gesù muoia sospeso ad una croce? Eppure è da quell’albero di morte che è venuta a noi la vita!

La crisi dei Giudei può essere superata solo attraversandola. Maledette/benedette crisi: se solo avessimo la capacità di fidarci e di decifrare il linguaggio in esse racchiuso, smettendo un atteggiamento presuntuoso che non ci fa muovere un passo non anzitutto fuori di noi ma dentro di noi!

A volte può bastare proprio nulla. A volte basta uno sguardo, una parola, un gesto: quando c’è di mezzo Dio, l’efficacia dei mezzi non è mai proporzionale alla loro prestanza.

Basta a noi misurarci con lo stile umile, semplice che il Signore Gesù ha scelto di assumere?

(don Antonio Savone)

___________

Preghiera nel tempo della prova

Signore, Padre Santo,

tu che nulla disprezzi di quanto hai creato

e desideri che ogni uomo abbia la pienezza della vita,

guarda alla nostra fragilità che ci inclina a cedere.

Fa’ che il nostro cuore regga in quest’ora di prova.

Perdona la nostra incapacità a far memoria di quanto hai operato per noi.

Allontana da noi ogni male.

Se tu sei con noi chi sarà contro di noi?

In ogni avversità noi siamo più che vincitori in virtù di colui che ci ha amati.

Facci comprendere che la bellezza che salva il mondo è l’amore che condivide il dolore.

Benedici gli sforzi di quanti si adoperano per la nostra incolumità:

illumina i ricercatori, dà forza a quanti si prendono cura dei malati,

concedi a tutti la gioia e la responsabilità di sentirsi gli uni custodi degli altri.

Dona la tua pace a chi hai chiamato a te,

allevia la pena di chi piange per la morte dei propri cari.

Fa’ che anche noi, come il tuo Figlio Gesù,

passiamo in mezzo ai fratelli sanando le ferite e promuovendo il bene.

Intercedano per noi Maria nostra Madre

e tutti i Santi i quali non hanno mai smarrito la certezza

che tutto concorre al bene per coloro che amano Dio.

Amen.

___________

Regina Coeli

Regina dei cieli, rallegrati, alleluia.

Cristo, che hai portato nel grembo, alleluia,

è risorto, come aveva promesso, alleluia.

Prega il Signore per noi, alleluia.

Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna.

Amen.