Lasciarsi generare – Giovedì V di Quaresima

AbramoMentre affrettiamo i passi verso la Pasqua, in questo giovedì di passione la liturgia ci sollecita a scegliere chi avere come compagni di viaggio, se fare nostra la disponibilità al cammino da parte di Abramo o l’inamovibilità dei giudei che di lui si riconoscono figli e ora, pur avendo creduto in Gesù, si ritrovano a tramare contro.

Abramo poté diventare padre di una moltitudine perché anzitutto imparò a rigenerare se stesso lasciandosi condurre per vie prima sconosciute arrivando persino a rinunciare a ciò che era il frutto della sua vita e il segno che ciò che il Signore aveva promesso si sarebbe compiuto. Dovette imparare a sue spese cosa significava lasciarsi alle spalle la terra della sua sterilità per accogliere quanto il Signore gli andava rivelando gradualmente mano a mano che procedeva.

I Giudei, invece, si fregiano di appartenere alla sua discendenza ma non sanno fare loro l’attitudine propria di Abramo, quella di accogliere senza pretese e perciò restano vittime delle loro mire di morte motivate addirittura da criteri religiosi. Quanto sono lontani dall’atteggiamento adorante del loro padre Abramo il quale, con quel gesto, riconosce che la sua esistenza ha bisogno di essere sempre riplasmata dal Dio alla cui voce aveva scelto di mettersi in cammino. Poiché non accettano di lasciarsi mettere in discussione non trovano di meglio che scagliare pietre contro chi ha provato a destabilizzarli proponendo loro un itinerario di rinascita. L’indisponibilità a convertirsi si esprime attraverso il bisogno di barricarsi dietro una pietra. Può accadere di non riconoscere e di non accogliere l’incessante opera compiuta dal Padre perché possiamo essere ogni giorno messi al mondo di nuovo. Possiamo addirittura soffocare sotto un cumulo di pietre il desiderio di vita in noi deposto mentre venivamo creati a sua immagine e somiglianza.

In un momento in cui i tentativi di diventare padre da parte di Abramo avevano finito per destabilizzare l’equilibrio familiare, egli accetta che gli venga cambiato nome: qualcosa di nuovo potrà accadere nella sua vita solo nella misura in cui acconsente alla morte di qualcosa di lui. Chi accetta di lasciarsi generare dalla Parola di Dio mettendo in discussione cose a cui si era fortemente legati, “non vedrà la morte in eterno”. Il molto che Dio promette ad Abramo può realizzarsi se si accetta di attraversare la morte delle proprie pretese.

Un commento Aggiungi il tuo

  1. Rosaria Montefusco ha detto:

    Si. Se si accetta la morte delle proprie pretese può capire quello che Dio vuole da lui e si fa prendere per mano ogni giorno. GraziePadre.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.