La tua mano è il mio sostegno – 1 aprile – Sussidio per la preghiera personale e familiare

SUSSIDIO PER LA PREGHIERA PERSONALE  O FAMILIARE IN QUESTO TEMPO DI PROVA

1 aprile 2020 

(A cura di don Antonio Savone, Direttore Segreteria Pastorale Arcidiocesi di Potenza-Muro L.-Marsico N.)

Se Dio è per noi, chi sarà contro di noi?

Chi ci separerà dunque dall'amore di Cristo? 

Forse la tribolazione, l'angoscia, la persecuzione, la fame, la nudità, il pericolo, la spada?

In tutte queste cose noi siamo più che vincitori per virtù di colui che ci ha amati (Rm 8.31.35.37).

Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

Pietà di noi, o Signore. Contro di te abbiamo peccato.

Mostraci, Signore, la tua misericordia e donaci la tua salvezza.

Dn 3,52–56

A te la lode e la gloria nei secoli.

Benedetto sei tu, Signore, Dio dei padri nostri.
Benedetto il tuo nome glorioso e santo.

A te la lode e la gloria nei secoli.

Benedetto sei tu nel tuo tempio santo, glorioso.
Benedetto sei tu sul trono del tuo regno.

A te la lode e la gloria nei secoli.

Benedetto sei tu che penetri con lo sguardo gli abissi
e siedi sui cherubini.
Benedetto sei tu nel firmamento del cielo.

A te la lode e la gloria nei secoli.

___________

Dal Vangelo secondo Giovanni Gv 8,31-42

In quel tempo, Gesù disse a quei Giudei che gli avevano creduto: «Se rimanete nella mia parola, siete davvero miei discepoli; conoscerete la verità e la verità vi farà liberi». Gli risposero: «Noi siamo discendenti di Abramo e non siamo mai stati schiavi di nessuno. Come puoi dire: “Diventerete liberi”?».

Gesù rispose loro: «In verità, in verità io vi dico: chiunque commette il peccato è schiavo del peccato. Ora, lo schiavo non resta per sempre nella casa; il figlio vi resta per sempre. Se dunque il Figlio vi farà liberi, sarete liberi davvero. So che siete discendenti di Abramo. Ma intanto cercate di uccidermi perché la mia parola non trova accoglienza in voi. Io dico quello che ho visto presso il Padre; anche voi dunque fate quello che avete ascoltato dal padre vostro».

Gli risposero: «Il padre nostro è Abramo». Disse loro Gesù: «Se foste figli di Abramo, fareste le opere di Abramo. Ora invece voi cercate di uccidere me, un uomo che vi ha detto la verità udita da Dio. Questo, Abramo non l’ha fatto. Voi fate le opere del padre vostro».

Gli risposero allora: «Noi non siamo nati da prostituzione; abbiamo un solo padre: Dio!». Disse loro Gesù: «Se Dio fosse vostro padre, mi amereste, perché da Dio sono uscito e vengo; non sono venuto da me stesso, ma lui mi ha mandato».

___________

Liberi, cioè veri…

Se dunque il Figlio vi farà liberi, sarete liberi davvero.

Gesù è venuto a rivelare a ognuno di noi chi siamo e che cosa valiamo. È venuto a rivelarci la nostra identità più profonda: quella di figli amati chiamati a diventare sempre più simili al proprio Padre a immagine di lui, il Figlio.

A chi invoca come pretesto “appartenenze” (in questo caso alla discendenza di Abramo), Gesù consegna il criterio per verificare un simile legame: compiere le opere di colui cui si riconosce una paternità sulla propria vita. Abramo, infatti, si lasciò provocare continuamente da un Dio che lo incalzava verso nuovi traguardi: partì senza neppure sapere verso dove (il paese gli sarebbe stato indicato solo in seguito), partì accordando fiducia. Proprio ciò di cui sono incapaci gli interlocutori di Gesù.

La Parola di questo mercoledì della V settimana di Quaresima viene a metterci a parte di ciò a cui si può andare incontro quando la consapevolezza di una simile realtà accompagna e sostiene l’esistenza. I tre giovani del libro di Daniele non hanno paura di attestare dinanzi al re quale convinzione li abita anche a costo della morte, sia che Dio li liberi dalla fornace sia che non lo faccia.

Uomini e donne nel corso della storia si sono opposti, senza paura delle conseguenze, a chi voleva mettere a tacere la verità di cui la loro vita era testimonianza.

In una delle sue lettere, Etty Hillesum racconta come un giorno osservava centinaia di ebrei che salivano sui treni che li avrebbero portati ad Auschwitz. E mentre salivano stavano cantando dei salmi. Poi guardò i visi duri e immobili dei soldati e non poté non chiedersi: quale di questi due gruppi era libero, libero di essere se stesso?

Ancora, si racconta di Mandela che alla guardia che gli aveva detto: “Sai che ho il potere di farti uccidere?” aveva risposto: “Sai che ho il potere di andare verso la mia morte liberamente?”.

Che cos’è che genera in noi la possibilità di una simile testimonianza?

Ci viene incontro Gesù proprio nell’incipit del brano evangelico: “Se rimanete fedeli alla mia parola, sarete davvero miei discepoli; conoscerete la verità e la verità vi farà liberi”.

Fedeli all’unica Parola che permanentemente non fa altro che attestarci il volto di un Dio a favore dell’uomo: è qui che nasce la possibilità di un discepolato ed è questa l’unica condizione per continuare a rimanere in un cammino di sequela. Anche a prezzo della vita. Il dimorare nella Parola introduce alla progressiva esperienza della verità di un Dio amore e della verità dell’uomo quale figlio amato. Questo è ciò che conta. Davvero la tua grazia vale più della vita (Sal 62).

Ci si richiama alla memoria del passato sbandierando appartenenze (ad Abramo, a Mosè, ai padri). Ma è una memoria vuota.

Sei di Abramo? Ma Abramo com’era? Non certo arroccato.

Non è, forse, il pericolo anche del nostro mondo religioso dove ci sono i riti, le leggi, i codici, ma non c’è più la fede? Perché? Il verbo tipico della fede è uscire. “Il Signore disse ad Abramo: vattene dal tuo paese… verso un paese che io ti indicherò”.

Si è credenti, se si esce… anzitutto dai propri arroccamenti.

Ci si illude di essere credenti se tutto è a misura del nostro paese, del nostro mondo, del nostro sguardo, del nostro modo di pensare. La fede, invece, è lasciarsi mettere in cammino verso un Dio che non vedi, una terra che non si vede. Accetterai il viaggio solo se imparerai a non assolutizzare ciò che è soltanto di un momento.

(don Antonio Savone)

__________

Preghiera nel tempo della prova

Signore, Padre Santo,

tu che nulla disprezzi di quanto hai creato

e desideri che ogni uomo abbia la pienezza della vita,

guarda alla nostra fragilità che ci inclina a cedere.

Fa’ che il nostro cuore regga in quest’ora di prova.

Perdona la nostra incapacità a far memoria di quanto hai operato per noi.

Allontana da noi ogni male.

Se tu sei con noi chi potrà essere contro di noi?

In ogni avversità noi siamo più che vincitori in virtù di colui che ci ha amati.

Facci comprendere che la bellezza che salva il mondo è l’amore che condivide il dolore.

Benedici gli sforzi di quanti si adoperano per la nostra incolumità:

illumina i ricercatori, dà forza a quanti si prendono cura dei malati,

concedi a tutti la gioia e la responsabilità di sentirsi gli uni custodi degli altri.

Dona la tua pace a chi hai chiamato a te,

allevia la pena di chi piange per la morte dei propri cari.

Fa’ che anche noi, come il tuo Figlio Gesù,

passiamo in mezzo ai fratelli sanando le ferite e promuovendo il bene.

Intercedano per noi Maria nostra Madre

e tutti i Santi i quali non hanno mai smarrito la certezza

che tutto concorre al bene per coloro che amano Dio.

Amen.