Se è in grado di aspettarti, ti ama – I di Avvento

Un altro Avvento. Puntuale. Da calendario. E forse come quello passato, l’inesorabilità del suo arrivo fa pendant col disincanto che passi invano, come ne sono passati già tanti senza lasciare traccia. Inutile, dunque, questo nuovo tempo? La domanda è tipicamente umana, di noi che tutto vorremmo scrivere a partire dal registro delle nostre aspettative desiderose…

L’abiezione e il riscatto – Cristo Re dell’universo

L’aveva ripetuto più volte lungo il cammino che lo conduceva a Gerusalemme: “Il Figlio dell’uomo sta per essere consegnato…” e tutte le volte i discepoli avevano fatto orecchie da mercanti altalenando tra il non capire e il rimuovere quell’argomento. Ora che i giochi son fatti, bisogna concludere che ha fatto bene chi, lungo la via,…

Niente è senza fine, solo l’amore – XXXIII del T.O.

Dava sicurezza, non c’è che dire, la maestosità del tempio di Gerusalemme. Esso era il segno evidente di un momento storico che, non fosse altro che per quella costruzione, aveva lasciato una traccia che tutti potevano riconoscere e ammirare. Non avvertiamo, forse, il bisogno di lasciare orme del nostro passaggio in un luogo o in una…

Perdonare… – Lunedì XXXII del T.O.

‘Se si pentirà, perdonagli’… Viaggio molto faticoso, a volte pressoché impossibile, quello propostoci dalla liturgia… La meta è la disponibilità a spezzare la catena dell’odio nelle relazioni tra gli uomini mentre il punto di partenza è la guarigione del cuore e la purificazione della memoria. Se, talora, la prospettiva della meta può anche avvincere, dobbiamo…

Gratuitamente – Dedicazione Basilica Lateranense

La cacciata dei mercanti dal tempio ci restituisce un volto di Gesù affatto tenero. Siamo poco avvezzi a questo gesto di Gesù che ha tutti i tratti della indignazione. Un comportamento, il suo, non dovuto a uno sbalzo di umore o alla perdita della pazienza, come può accadere a ciascuno di noi. Dietro quel gesto…

La primizia e il compimento – XXXII del T.O.

L’intento era chiaro: screditare Gesù. I sadducei avrebbero voluto metterlo con le spalle al muro portando come pretesto una storia tra il fantasioso e il ridicolo, se non addirittura macabro. Non è difficile immaginare il sogghigno che li animava mentre si facevano avanti. Avessero potuto, si sarebbero fatti una gran risata a fronte della pretesa…

Se così è Dio… – Lunedì XXXI del T.O.

Se così è Dio… Una lettura superficiale di questo brano evangelico rischia di coglierlo come una sorta di galateo relazionale. E, invece, è uno di quei brani che solleva la questione su Dio. È di Dio, infatti, che sta parlando, del suo stile, delle sue scelte, di ciò che gli sta a cuore. Il Dio…