L’amore e la morte – Martedì XXIV del T.O.

vedova-nainLa morte ci visita sovente: o perché ci strappa parenti e amici o perché ci chiede di chiudere una partita per aprirne un’altra. Ciò che a volte ci impedisce di guardare alla morte come feconda è il dolore del travaglio, la fatica dell’accettare che qualcuno o qualcosa si allontani da noi. Dipendesse da noi, infatti, cristallizzeremmo persone ed eventi, quasi fermando il tempo…
Quella morte che per noi suona come un’avventura senza ritorno è in realtà qualcosa di provvisorio: essa non è l’ultima parola sulla storia del mondo e sulla vita dell’uomo.
Nel Cantico dei Cantici è scritto che c’è una realtà più forte della morte, ed è l’amore: più forte della morte è l’amore. La morte di Gesù ci ricorda proprio questo: ha talmente amato che la morte non ha potuto costringerlo più a lungo in una tomba.
San Giovanni gli farà eco: Da questo sappiamo che siamo passati dalla morte alla vita, se amiamo i fratelli. Chi non ama rimane nella morte. Da temere, infatti, non è la morte fisica, ma quella che accade mentre si è ancora convinti di vivere.
La paura della morte arretra se si accetta di lasciar cadere lungo la propria strada il mantello dell’egoismo per indossare quello della compassione con il quale ricoprire se stessi e i propri fratelli in umanità.
La paura della morte arretra se accettiamo di vivere ogni nostra giornata non nel timore, ma con la consapevolezza di una avventura ancora aperta. Il peccato più grave di cui forse chiedere perdono è spegnere la vita nella banalità, in una sorta di appiattimento indistinto. Non viviamo i giorni nella perenne riedizione di un passato. Ogni attimo è un istante nuovo con cui misurarci e in cui imparare a ripetere: eccomi, o Padre.
Se accettassimo di vivere la vita con l’intensità e la gioia del primo giorno e con la consapevolezza lieve dell’ultimo giorno come si essenzializzerebbe la vita! Avremmo il senso di ciò che passa e di ciò che permane, di ciò che vale e di ciò che non vale. Vale soltanto quello che resta e resta soltanto quello che vale: non è un gioco di parole.
Impariamo a ridare il giusto valore a ogni nostro gesto, a ogni nostra parola: verremo trovati pronti per l’ultimo gesto umano che saremo chiamati a compiere, quello del nostro consegnarci alle mani del Padre.

Un commento Aggiungi il tuo

  1. MELI PLACODI SAC. ha detto:

    A PRESTO E GRAZIE PER IL RESTO DEL MONDO E LA COSA CHE NON SI PUÒ ESSERE UNA VOLTA CHE SI FA PER TE.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.