Fedeltà alla propria storia – 22 dicembre

Due donne, Anna (la madre di Samuele) e Maria, in questa liturgia del 22 dicembre, prima ancora che delle parole, consegnano a noi uno stile, quello di chi impara a guardare la propria storia e quella dell’intera umanità come una storia di salvezza. Mentre ci insegnano a fare memoria di un Dio il cui sguardo…

In cammino – 21 dicembre

Me la immagino la ragazza di Nazaret mentre ancora intenta a capacitarsi di quello che le era accaduto – chissà, poi, se si sarà mai capacitata di essere stata ritenuta degna di divenire la Madre del Signore – si ritrova abitata dalla fretta per raggiungere un’anziana parente della quale le era stato detto che portava…

L’arte dello stupore – IV di Avvento

A pochi giorni dal Natale, la liturgia ci aiuta a mettere a fuoco con quale atteggiamento siamo invitati a celebrare il mistero dell’Incarnazione. L’incontro tra Maria ed Elisabetta in quella casa di Ayn Karim, è un’icona di come vivere questo Natale ormai alle porte. Due donne, segno per eccellenza dell’impossibilità umana (una, vergine, l’altra, sterile),…

Accogliere il Dio ospite – 20 dicembre

Due diversi modi di stare di fronte a Dio, quello del re Acaz e quello di Maria. Entrambi fanno esperienza della disponibilità da parte di Dio ad entrare nella loro esistenza, ma mentre il re non si lascia interpellare affatto, Maria accetta di essere disturbata da un appello che risulta inconcepibile. All’aiuto offerto dal Signore,…

Il silenzio, grembo per generare – 19 dicembre

Imparare a interrompere il fluire delle parole: è l’invito a noi rivolto in questo quarto giorno della novena. Zaccaria, come tutti quanti noi, pensa di accostare la vita, la storia, con un atteggiamento abituale e meccanico, proprio come il rito che stava officiando. Ma la vita non può essere ridotta a una stanca ripetizione di…

Con il cuore di Giuseppe – 18 dicembre

Con il cuore di Giuseppe… pronti alla diversità. La storia dell’umanità è come attraversata da una domanda: ma Dio è in mezzo a noi, si o no? Se l’era posta Israele nel deserto, se la poneva la comunità per la quale Mt redige il suo vangelo, ce la poniamo anche noi e non una volta…

Non osi separare l’uomo ciò che Dio ha congiunto – 17 dicembre

La liturgia fissa quest’oggi un appuntamento: l’appuntamento con un Dio che arruola persone di ogni risma a preparare la strada della vita umana di suo Figlio. L’appuntamento è con un Dio che riscatta la storia di tanti, uomini e donne, che anche inconsapevolmente hanno vissuto e agito per realizzare la nascita del Dio-con-noi. L’appuntamento è…

Comincia ad essere uomo – III di Avvento

Era evidente: si respirava un clima di cambiamento, si desiderava smettere di dare per scontata ogni cosa. Non si spiegherebbe altrimenti quell’accorrere di tanti, delle categorie più svariate lungo le rive del Giordano lasciandosi alle spalle le risposte solite della città e dei suoi maestri. Giovanni non era tanto un annunciatore quanto un uomo fatto…

Una ragione per morire – Sabato II di Avvento

La nostra storia ha una superficie e ha una profondità. La superficie della storia è quella che è sotto gli occhi di tutti, quello che ciascuno di noi registra nel suo accadere e che non sempre riesce a leggere oltre il mero fatto di cronaca; la profondità, invece, ci è svelata dalla parola di Dio…

Oltre il capriccio – Venerdì II di Avvento

In guardia dall’essere eccessivamente concentrati su se stessi: ecco l’invito a noi rivolto dal Signore Gesù mentre ci paragona ai bambini distratti dal gioco a palla che alla fine rischia di diventare un prendersi gioco di se stessi. Può accadere a tutti di essere talmente presi da se stessi da non essere più in grado…