L’olio della consapevolezza – Venerdì della XXI del T.O.

verginiIl rischio di una vita senza memoria e senza speranza: ecco da cosa ci mette in guardia la Parola di questo giorno.

Viviamo uno strano rapporto con il tempo: a volte ci accade di percepirlo come vuoto, addirittura interminabile. Sembra quasi che non accada nulla di rilevante e perciò è facile cedere all’inganno di mollare la tensione. Quando tutto sembra appiattirsi e ogni giorno trascorrere nell’irrilevanza degli eventi, si finisce per non attendere più nulla e più nessuno. Per questo l’invito a noi rivolto, in particolar modo dal vangelo, è quello di esercitare un’attenzione tenace per imparare a scorgere ciò che l’interminabilità del tempo e il torpore che ne consegue, rischia di offuscare.

È come se, mentre viviamo lo scorrere delle ore e dei giorni, dimenticassimo ciò che c’è prima e ciò che potrebbe esserci dopo: senza memoria, appunto, e senza speranza. Come se non avessimo mai avuto un inizio e non avremo mai una fine e la vita ridotta soltanto a quello che nel tuo presente riesci a stringere fra le mani. Cristallizzeremmo volentieri l’attimo. E quando qualcosa di inaspettato e di imprevisto fa capolino ci coglie sempre distratti, intenti ad altro.

Questo è ciò che il vangelo definisce come stoltezza: la vita avvolta nell’attimo e il tempo che passa apprezzato solo per ciò che concerne l’utile per me.

Sapienza, invece, è la capacità di vedere in profondità il significato vero degli eventi e delle persone; è la capacità di intuire il nuovo che nasce dallo scorrere quotidiano della storia.

Il dono della sapienza è partecipato solo a chi sta nella vita con atteggiamento vigile e lo vive non come una competenza acquisita una volta per tutte: per essa bisogna alzarsi di buon mattino e mettersi in ricerca. Ottiene il dono della sapienza chi è capace di passione per qualcosa, per qualcuno. Per che cosa ancora mi appassiono? O meglio: mi appassiono ancora? Si appassiona chi sa di non bastare a se stesso, chi è consapevole che la vita è oltre ciò che di essa può aver conosciuto o sperimentato, chi riconosce che la vita è fatta di incontri che altro non sono se non primizia e caparra dell’incontro definitivo con un Dio che viene a noi nei panni di uno sposo. Gli incontri, sacramento di Dio.

Tale dono non è neppure qualcosa di innato, ma di cercato e alimentato continuamente con l’olio della consapevolezza. Ha nulla a che spartire con la propria cultura: quanta sapienza in persone che nulla sanno di lettere e quanta insipienza in chi vanta titoli accademici o gradi onorifici!

Sapienza è saper cogliere l’oltre di ogni cosa, convinti che nulla è irrilevante nella nostra vita, nulla è insignificante, nulla è banale.

“La sapienza bisogna cercarla uscendo dagli schemi mentali preconfezionati, aprendo gli occhi davanti alla realtà che cambia, accostando le persone con fiducia senza dare  nulla per scontato. E poi fermarsi a riflettere, a discernere e a rifarsi un nuovo ordine di ricerca tenendo conto dell’elemento appena acquisito. E, naturalmente, essere disposti a riprendere il cammino subito dopo”.

Imparare a scrutare nelle notti della vita perché non ci sono dati tempi supplementari. Ecco l’importanza del discernere e del saper scegliere.

Sapienza è capacità di saper fronteggiare il peggio nella consapevolezza che le cose potrebbero andare diversamente da come ci aspetteremmo.

Sapienza è avere la giusta misura di sé, riconoscere il proprio limite e metterlo in conto.

La differenza tra le cinque ragazze sagge e le cinque stolte sta proprio in un diverso modo di affrontare la propria debolezza: le prime, non ignorandola e non rimuovendola si industriano per trovare i rimedi necessari, le altre, invece, l’hanno fronteggiata con presunzione e perciò con superficialità.

Solo chi ama trova la sapienza “seduta alla sua porta” (Sap. 16,14).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.