L’incomprensione di Maria – Cuore Immacolato di Maria

Siamo poco abituati a pensare alle domande di Maria. Eppure il vangelo non le rimuove, anzi le ospita di buon grado. Già durante l’annunciazione: come è possibile? Ora di nuovo: perché ci hai fatto così? Il mistero di Dio – la vita stessa – travalica sempre il nostro modo di intendere le cose, di pensare la vita, di vivere i rapporti. Quel figlio che cresce sorprende Maria.

Lei e Giuseppe si scoprono impari rispetto a quel ragazzo: troppo più grande di loro per poterlo circoscrivere nelle loro categorie di pensiero. Infatti non lo comprendono: non ne comprendono il gesto (il suo essersi fermato) e non ne comprendono le parole (non sapevate…?).

Ci sono domande – come quella dell’angelo – che turbano Maria e ci sono gesti che l’angosciano – come in questo caso: tuo padre e io angosciati ti cercavamo. L’angoscia e il turbamento non risparmiano i giorni di Maria. Fatica, Maria, anche lei, a mettersi in sintonia con quel figlio che sembra sfuggire dalle loro mani. Lo comprendiamo: siamo lontanissimi dalle rappresentazioni devote della santa Famiglia. Qui tutto ha i colori della nostra vita, colori non sempre splendenti.

Perché ci hai fatto così? Una domanda tutta da trattenere. Immediatamente è il grido di una grande sofferenza perché quel figlio sfugge alla presa e genera l’incomprensione. L’incomprensione, dunque, fa capolino persino su quello che per noi resta il prototipo di ogni famiglia. Persino Maria e Giuseppe conoscono l’esperienza della crisi di fronte al mistero di un figlio che eccede. Vanno in crisi perché il modello di relazione tra loro e quel figlio è cambiato.

E tuttavia quella domanda dischiude anche un’altra prospettiva: di fronte a qualcosa che la supera Maria chiede di capire il motivo. Un atteggiamento abituale in lei se è vero che anche di fronte alle parole dell’angelo che le annuncia l’impossibile, prova a capire. Così qui. Intuisce che quell’episodio è tutt‘altro che un semplice incidente di percorso o il frutto del capriccio di un adolescente.

Perché ci hai fatto così? È la domanda che affiora sulle nostre labbra quando la vita ci confronta con qualcosa che travalica le nostre aspettative. Ma quando l’eventualità della risposta non  soddisfa le aspettative il rischio, per noi,  è quello di spegnere la domanda, di rimuovere l’esperienza di contraddizione che invece rappresenta per noi una pasqua, un passaggio da riconoscere, accogliere e attraversare.

Perché ci hai fatto così? Una domanda che si apre alla eventualità di una risposta che è altra rispetto a quello che vorresti sentir dire.

Perché mi cercavate? Ancora una domanda da trattenere. Gesù chiede a Maria come a noi il perché della nostra ricerca. Maria avrebbe voluto fermare il tempo quella volta e invece, quel figlio, le chiede di entrare in tutt’altro orizzonte. Quel figlio, in fondo, lo conoscevano e non lo conoscevano. Per giorni, infatti, lo hanno cercato ma nei posti sbagliati: tra parenti e conoscenti, cioè tra chi ritiene di sapere come vanno le cose. Eppure avrebbero dovuto sapere che altro era il suo luogo: non sapevate…? domanda stupito Gesù.

Quel figlio non accetta di essere chiuso dentro gli schemi ripetitivi del culto o delle tradizioni parentali. Per crescere – fa comprendere ai suoi – è necessario anche cominciare ad abitare il distacco, l’incomprensione.

Non compresero, è una parola che consola il cuore perché la non comprensione, la fatica a capirsi non è segno di una famiglia sbagliata. E quando non comprendi sei comunque invitato ad accogliere le risposte che ti vengono dalla vita, provando a cercare quel disegno che va evidenziandosi poco alla volta.

E tuttavia è interessante la conclusione della pagina evangelica: non compresero… e scese con loro. Quei genitori fanno fatica a capire e per tutta risposta Gesù non se ne va, scende con loro. Il mistero dell’incarnazione lo porta ad assumere persino il limite dei suoi genitori e a fare i conti con una quotidianità segnata da quel limite.

Davanti al limite nostro e degli altri siamo tentati di scappare via. Il vangelo ci attesta: prova a scendere con loro, misurati con la vita, così com’è. Paradossalmente Gesù è cresciuto in sapienza, età e grazia, proprio in quella casa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.