Amati – Mercoledì IV di Quaresima

padre figlioSiamo presi per mano e condotti alla grande verità che sta a fondamento di tutta la nostra esistenza: “Il Padre ama il Figlio”; Isaia lo aveva già preannunziato:“…io invece non ti dimenticherò mai”. Nel cuore stesso della vita di Dio tutta l’attenzione e tutta la preoccupazione è quella di mettere l’altro al primo posto.

Non ti dimenticherò mai… Pur essendo a fondamento della nostra esistenza essa è spesso dimenticata. Il non riconoscerci figli fa sì che ci riteniamo il principio di noi stessi, senza accorgerci che in questo modo neghiamo quella relazione che sola ci permette di esistere.

Ecco perché siamo da Gesù ricondotti nel mistero stesso della Trinità. Gesù afferma che chi ascolta lui ha la vita eterna. Chi si affida al Figlio entra nel suo stesso rapporto con il Padre. Attraverso Gesù scopre la sua identità di figlio e vive come tale: il Padre ama anche me, il Padre ama me. Sì, proprio me. Sapere chi e come è Dio significa scoprire chi e come è l’uomo: se Dio è padrone esigente, l’uomo è il suo schiavo. Considerare Dio come antagonista dell’uomo è il male delle origini, dal quale devono purificarsi tutte le credenze religiose, per non sacrificare l’uomo a Dio e alla legge, distruggendo contemporaneamente e l’uomo e la legge e Dio.

Gesù ha appena guarito il paralitico: in realtà ciò che paralizza l’uomo è il non conoscere e il non accettare la sua identità di figlio. All’origine del suo male c’è il non sapere di essere figlio. Gesù è venuto a ridarci quella verità che sola è in grado di liberarci: il nostro essere figli, il nostro essere una cosa sola con colui che è la fonte della vita, quella fonte da cui, per paura, ci eravamo allontanati.

Non è un caso che tutto questo accada di sabato: il figlio è chiamato ad essere col Padre nel suo giorno, nel giorno che dice la piena comunione con lui. Perciò l’opera compiuta da Gesù non è violazione del sabato ma scioglimento del sabato. Tuttavia c’è qualcuno che vorrebbe ostacolare una simile opera: “per questo cercavano di ucciderlo,  perché scioglieva il sabato”. Il sabato è per l’uomo, la legge è per l’uomo, Dio stesso è per l’uomo e non anzitutto viceversa.

Ci viene annunciato che qualunque sia la nostra condizione, fosse anche quella di una paralisi (simbolo di ben altra paralisi), c’è per tutti una paternità/maternità capace di memoria e di custodia che risponde a quel desiderio innato in ogni figlio di non essere abbandonato. La condizione è volerlo: vuoi guarire? Così aveva chiesto all’uomo che da 38 anni sedeva immobile sul ciglio della strada.

Ascoltare il Figlio è la condizione per essere salvati, per passare da una vita che porta già con sé i segni della morte (cfr. paralitico) alla vita piena nel Figlio di Dio. Questo giudizio avviene già adesso, nella presa di posizione nei confronti di Gesù. Davvero la vita e la morte sono nelle nostre mani. Non è Dio a compiere il giudizio. Il nostro giudizio negativo su Dio sarà ciò che porterà intrinsecamente alla nostra condanna.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.