La catena interminabile dell’amore di Dio – Te Deum 2017

È una grazia avere consapevolezza del tempo che passa. È il segno che non annoveriamo solo una successione di ore e di giorni ma che abbiamo permesso al Signore di scrivere tra le pieghe della nostra vita l’opera della sua azione. Poco importa se non sempre siamo stati in grado di riconoscerla; talvolta, forse, l’abbiamo…

Oltre la nostra angusta misura – Prepararsi alla IV di Avvento

Due figure ci accompagnano nell’accostare il mistero del Dio con noi. Due figure non complementari ma antitetiche: Davide e Maria, ossia la pretesa e l’accoglienza umile. Davide incarna l’umana presunzione alle prese con Dio. È un uomo, Davide, che grazie al successo delle proprie imprese, ha raggiunto una certa agiatezza. Forte di questa sua condizione…

Occhi nuovi – S. Lucia

La festa di S. Lucia evoca il nostro bisogno di vedere, di non conoscere l’esperienza della cecità. Noi, infatti, la invochiamo come patrona della vista degli occhi. Tuttavia, mi pare, abbiamo bisogno di chiedere la sua intercessione per un altro tipo di cecità di cui siamo affetti un po’ tutti. Ci mancano, infatti, occhi nuovi….

Una nuova unità di misura – Martedì I di Avvento

‘Ti rendo lode, o Padre, le hai rivelate ai piccoli…’. Sono le parole che la pagina evangelica mette sulle labbra di Gesù, ma sono anche le parole che la liturgia vorrebbe porre sulle nostre labbra. Alla scuola di Gesù, infatti, si apprende che cosa procura lo sguardo della fede: la capacità di andareoltre le apparenze…

Basta la parola – Lunedì I di Avvento

Ogni espressione religiosa ha sempre portato con sé la convinzione che Dio abbia diritto di cittadinanza solo all’interno di quel modo specifico di vivere la fede. Il popolo d’Israele era caparbiamente convinto che Dio fosse rinchiuso all’interno di quel preciso territorio e per questo si riteneva popolo eletto chiamato ad essere luce di tutte le…