Non chiudere la porta all’altro. Mai – Prepararsi alla XXIII del T.O.

Una di quelle pagine, quella odierna, che mette sotto osservazione le nostre relazioni troppo spesso vissute entro criteri giuridici che stabiliscono il “fino a dove”, per scoprire, invece, l’illimitato di Dio, l’ostinato di Dio, la spregiudicatezza di Dio. E per scoprire – perché no? – l’inedito della fraternità.

Deve aver scandalizzato non poco la spregiudicatezza di Gesù nell’intessere relazioni con soggetti poco raccomandabili quali potevano essere all’epoca pubblicani e prostitute se la comunità di Matteo ha sentito quasi il bisogno di mitigare quella prassi inserendo nelle relazioni tra fratelli tradizioni più di tipo giudaico che cristiano.

Davvero una pagina da leggere – come direbbe Francesco – sine glossa, non sottomettendola a griglie interpretative ma accostandola tenendo sullo sfondo la prassi di Gesù sempre a fianco di chi era escluso dall’istituzione o comunque espulso dall’ambito sociale o religioso. Se una accusa verrà rivolta a Gesù sarà proprio quella di aver vissuto con non poca liberalità – con spregiudicatezza, oseremmo dire – un certo rapporto preferenziale con pubblicani e peccatori.

Di nuovo siamo chiamati a vibrare al ritmo stesso del cuore di Dio, mai rassegnato alla perdita di uno solo dei suoi piccoli. Anche a costo di lasciare le novantanove pecore nel deserto (come attesta abbondantemente il brano immediatamente precedente).

Tuo compito non è allestire dei processi ma stabilire legami, offrire opportunità, lanciare occasioni, intessere rapporti. Il legame che riesci a stabilire con qualcuno ha una tale valenza da essere assunto da Gesù a sacramento della sua presenza in mezzo a noi. Così importante il vincolo di fraternità, di amicizia e di amore tra gli uomini da rendere presente fra loro il Signore. E mi sorprendo a pensare a quella immensa sacramentalità presente nelle nostre relazioni quando si aprono all’esperienza del senza misura: a contatto con Dio molto più spesso di quanto crediamo.

Dopo aver tentato tutte le vie del dialogo nei confronti di chi dovesse deviare, amarlo con quell’amore che aveva spinto il pastore a mettersi in cerca della pecora smarrita e con quell’amore che spingerà il padre della parabola di Lc 15 a non intentare processi ma a ritessere una comunione infranta. Gratuitamente, senza attendersi neanche propositi di conversione. In pura perdita. Per amore.

Giungere a ritenere l’altro come un pagano e un pubblicano è stato fin troppo inteso come criterio di espulsione dell’altro dalla propria vita. Ma questo non è affatto in linea con lo stile di Gesù. Quel sia per te come un pagano e un pubblicano significa piuttosto cercare una via di misericordia quale unico percorso per giungere al cuore dell’altro. Proprio come ha continuato a fare il Signore Gesù.

Nei confronti dell’altro capaci di un amore ancora più gratuito e disinteressato. Amare, infatti, “è prendersi cura del destino dell’altro” (Lévinas). Prendersi cura di ciò che egli può diventare. Amare significa appunto far crescere l’altro, liberarne le potenzialità nascoste. È il senso della parola profetica: ti ho costituito sentinella. Capaci di vegliare sulle persone a noi affidate perché possano conseguire la felicità a cui aspirano.

Mai invitati a tagliare i ponti abbandonando a se stesso chi sbaglia, ma sollecitati a guardare l’altro con la misericordia di Gesù intercettando vie, percorsi perché il suo cuore venga toccato e la sua libertà interpellata.

Una chiesa sognata come luogo della fraternità possibile, sempre, comunque. Non un tribunale in cui si pronunciano sentenze inappellabili ma comunione di persone lontane da logiche di potere, libere da chiusure.

Una chiesa segno di un amore più forte della morte. Quell’amore che aveva spinto il Signore Gesù a consegnare se stesso, entrando persino nell’esperienza della tenebra per comprenderla e riscattarla. Quell’amore che lo porterà a stare sulla strada di tutti per non perdere nessuno di quelli che il Padre gli aveva dato, neanche quelli che in suo nome erigono tribunali e lanciano sentenze. Un amore capace di sciogliere, di non ostacolare, di non incatenare.

E quando due o tre si ritrovano in questa forma e esperienza di amore l’onnipotenza di Dio viene posta nelle loro mani. Dio abdica la sua onnipotenza d’amore nei confronti di chi sta nella vita amando.

Da restarne stupiti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.