C’è posto per tutti – Prepararsi alla domenica (V di Pasqua)

abbiate fede in DioParole-testamento quelle consegnate da Gesù ai suoi discepoli nell’imminenza della sua passione, oggi riconsegnate a questa nostra comunità cristiana.

Non di circostanza le parole di Gesù che vede profilarsi al suo orizzonte un rapido e drammatico epilogo. Perciò parole vere, come sono quelle di chi è consapevole che sta per concludersi la sua vicenda terrena. Parole, dunque, tutte da trattenere perché non si perda nulla dell’eredità che il Maestro consegna alla sua comunità, se non vogliamo tradire il volto di comunità che per noi è stato da lui delineato.

Parole che riprendono quanto Gesù ha provato a raccontare con i suoi gesti (ultimo, appena compiuto, quello della lavanda dei piedi), i suoi sguardi (penso a quello nei confronti del giovane ricco), i suoi silenzi (come davanti a chi voleva accusare la donna sorpresa in adulterio), le sue lacrime (come davanti alla tomba dell’amico Lazzaro)…

Gesti, sguardi, silenzi e lacrime che a più riprese ci hanno narrato del cuore di Dio, di un Dio tutto dal versante dell’uomo, un Dio che non ha paura di aprire la sua casa e di metterci a parte del suo desiderio di averci suoi ospiti per sempre: vi porterò con me, perché siate anche voi dove sono io. In quella casa c’è posto per tutti. Nessuno alle strette nel cuore di Dio e nessuno fuori dal cuore di Dio, a meno che non decida egli stesso di mettersene fuori. Nulla potrà mai separarci dall’amore di Dio in Cristo Gesù, ripeterà Paolo in Rm 8,39.

C’è posto per tutti.

Lo ribadisce ancora una volta Gesù prima di lasciarci. Chissà? Forse perché sapeva che lo avremmo ristretto a misura del nostro cuore il suo, finendo per stabilire diritti e precedenze per abitare il cuore di Dio. E invece no. Queste parole-testamento Gesù le consegna ai suoi perché si facciano tramite per ogni uomo del desiderio che Dio ha di poter vivere in comunione con lui. Con ogni uomo e con ogni donna. Ecco il compito e il senso dell’essere comunità di discepoli. Null’altro: far conoscere il desiderio che Dio ha di stare con l’uomo, per sempre. Non a caso – credo – Gesù senta il bisogno di rassicurarci: se no vi avrei detto…? Come a dire: state sereni… c’è posto per tutti.

Parole che ancora tradiscono qualcosa del suo cuore: sta per andarsene, sa cosa lo aspetta e lui è preoccupato non per sé ma ancora una volta per i suoi amici: non sia turbato il vostro cuore… Sarà così anche di lì a poco quando verranno per mettergli le mani addosso: se cercate me… lasciate stare costoro… A lui sta a cuore la mia vita, perciò mi è risparmiata. Così il cuore di Dio, largo il cuore di Dio, magnanimo il cuore di Dio. Non metterà mai a repentaglio la tua esistenza pur di risparmiare la sua. E non è forse questo il segno più vero dell’amore, risparmiare l’altro?

Parole, quelle di Gesù, pronunciate alla vigilia della sua pasqua e da cui lasciarsi illuminare anche nelle nostre pasque. Parole che vorrebbero essere una chiave di lettura per la comunità dei discepoli ogni volta che si troverà a vivere  dei passaggi, ogni volta che sarà chiamata a misurarsi con dipartite, con assenze, con vuoti. Non è forse così il tempo che stiamo attraversando? C’è tutto un sistema sociale, culturale, ecclesiale che non è più e noi, forse, come i discepoli siamo impauriti, preoccupati, in ansia, paralizzati. Vorremmo fermare il tempo e proviamo nostalgia, quel sentimento che dice il dolore per un ritorno impossibile. Non sia turbato il vostro cuore: la fine di un tempo o di un modo di essere Chiesa è in vista di un diverso modo di esprimere l’appartenenza al Signore Gesù. Il distacco, ogni distacco, è da tradursi in una nuova accoglienza.

La pietra scartata dai costruttori è diventata testata d’angolo: sempre così. È attraverso “vite di scarto” (Z. Bauman) che Dio compie la sua opera. Vite di scarto, ma scelte e preziose davanti a Dio, ci rassicurava Pietro. Sempre così, non è mai venuto meno a questo suo stile. Mi chiedevo: che cosa stiamo scartando di questa nostra esistenza, di questo nostro tempo che Dio, forse, sta usando come materiale prezioso per l’edificazione del suo popolo?

Abbiate fede… Fa appello alla fede Gesù. L’unico modo per attraversare l’ignoto, consapevoli che egli è ancora con noi. Non sia turbato il vostro cuore. Riesco ancora a fidarmi di lui, ad appoggiarmi a lui? Mi basta lui? Lo sappiamo: troppe volte non ci basta più e ricorriamo a mezzi e strumenti di potere che ci garantiscano, ci assicurino durante l’attraversamento delle nostre pasque. Mi basta lui?

Non ci accada che siano ripetute anche a noi quelle parole di rammarico pronunciate da Gesù a Filippo: da tanto tempo sono con voi e tu non mi hai conosciuto?

A Tommaso che gli chiedeva: Signore qual è la via? Gesù aveva risposto: Esattamente quella che hai intrapreso, lì dove ti trovi. Ma Tommaso non ne era consapevole. Accade anche a noi. Ci sia dato di riconoscerla e di percorrerla fino in fondo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.