La gioia dell’incontro – Presentazione del Signore

tumblr_ngpxurffqx1sw2uhpo1_500Un vivo desiderio abita il cuore dell’uomo: riconoscersi nella gioia dell’incontro con l’altro. L’a tu per tu, poter vedere il volto dell’altro, poter gioire della presenza dell’altro è ciò che  muove la maggior parte delle nostre scelte. Fatti come siamo per il dialogo, per la relazione, la possibilità di un incontro struttura e determina la nostra personalità. Per mancanza di incontri si muore.

Dio che conosce il cuore dell’uomo perché creato a sua immagine e somiglianza (ci hai fatti per te, riconoscerà Sant’Agostino, e il nostro cuore è inquieto fino a quando non riposerà in te), fissa l’incontro con l’uomo su un terreno paritario di cui assume fino in fondo le conseguenze. Patiamo tutti, infatti, il ritrovarci con qualcuno che, incontrandoci, marca la distanza da noi, mentre risuoniamo positivamente quando qualcuno ci mette a nostro agio nella relazione. È proprio quello che fa Dio: “Poiché i figli hanno in comune il sangue e la carne, anche Cristo allo stesso modo ne è divenuto partecipe”. Parafrasando potremmo dire: poiché i figli hanno in comune il desiderio di incontrarsi, anche Cristo ne è divenuto partecipe. L’incontro, per essere vero, non può essere etereo: esso, infatti, si manifesta mediante dei gesti che accompagnano, un cuore che accoglie mentre trepida, una bocca capace di raccontare la gioia che pervaso quel momento.

Qual è quel il terreno dell’incontro? La fragilità della condizione umana, ossia quella realtà da cui volentieri prenderemmo le distanze, proprio quella diventa il luogo dell’appuntamento con Dio, svelandoci così che la via verso la perfezione, la via verso la pienezza, passa attraverso l’accettazione della nostra imperfezione. Dio non si rende presente mediante un’idea, neppure attraverso chissà quale singolare percorso spirituale: si serve della carne di un bimbo così tangibile, così umano. Sempre così gli incontri ai quali Dio convoca: mai bypassando l’umano. E quando ciò non accade, è l’incontro con una nostra idea su Dio, ma non con Dio. “Ho avuto fame e tu mi hai dato da mangiare”, ripeterà alla fine.

E perché mai un simile incontro? Perché desiderio di Dio è prendersi cura: “Egli infatti non si prende cura degli angeli, ma della stirpe di Abramo” (Eb 2,16). Si prende cura perché conosce bene la sottile tentazione da parte nostra di lasciare ai margini la nostra umanità, mentre è proprio questa che deve rilucere di straordinaria bellezza. Desiderio di Dio è che nulla di noi resti mortificato ma tutto conosca il suo compimento. Chi ha la grazia di incontrarlo e di leggere la propria storia alla sua luce, non patisce più nessuna schiavitù, neppure quella della morte se è vero che Simeone può chiedere di prendere congedo serenamente, nella gratitudine. Chi ha la grazia di incontrare il Signore riesce a conciliare esperienze fino a quel momento contrapposte: il peccato diventa il luogo della grazia, l’abbandono esperienza di compagnia, la morte inizio di vita nuova.

Tutto questo ha un prezzo; non si dà possibilità di pienezza se non attraverso uno svelamento di ciò che portiamo nel cuore: “segno di contraddizione’ perché siano svelati i pensieri di molti cuori” (Lc 2,35). Gli incontri, quando sono veri, mettono a nudo e, perciò, lasciano il segno.

Come avviene questo incontro? Mediante il gesto di obbedienza di Maria e Giuseppe che compiono tutto come è prescritto nella legge del Signore. Quante obbedienze sofferte possono essere l’occasione perché il Figlio si faccia ancora incontro a qualcuno! Erano andati per adempiere una legge e si ritrovano a essere il tramite della gioia di due anziani che svelano loro il senso di ciò che accadrà da adesso in avanti.

L’incontro avviene poi attraverso la capacità di Simeone di non impossessarsi del Bambino. Invece di afferrare per possedere, Simeone diventa capace di accogliere e di lasciare andare. L’attesa di quell’incontro  era ciò che lo aveva tenuto in vita: una volta accaduto, Simeone è in grado di vincere la tentazione di cristallizzare il tempo.

Quand’anche non avessi più nulla perché come per Anna la vita ti ha depauperato persino di un legame, ti resta ancora una cosa: la voce, ossia la capacità di condividere ciò che il Signore ha fatto per te in un giorno qualsiasi in cui nulla lasciava presagire un appuntamento con Dio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.