Frequentare i luoghi di Dio – 7 gennaio

Hagiasophia Christ (Deesis mosaic).Nazaret e Cafarnao: ecco la geografia di Dio, i luoghi di Dio. Nazaret e Cafarnao non sono soltanto due luoghi geografici, sono anzitutto due modi di concepire la vita, due stili di comunità cristiana.

A Nazaret Gesù vi resta per un tempo molto lungo. È il tempo in cui Gesù semina il profumo di Dio ma è anche il tempo in cui assimila gli umori dell’uomo: assimila cioè come vive, come muore, come gioisce, come soffre, come si dispera per il pane, come si entusiasma per i figli, come piange di risentimento per le ferite di coloro che gli sono cari e come si scopre improvvisamente capace di compassione e di cura per l’estraneo che non ha mai conosciuto. Il tempo di Nazaret non va cancellato perché finiremmo per parlare un gergo religioso pure altissimo ma incapace di parlare al cuore dell’uomo. Nazaret dice la contemporaneità di Dio alle avventure e alle fatiche del vivere dell’umanità.

Nazaret, tuttavia, rappresenta pure un rischio: Nazaret vorrebbe inglobare il profeta Gesù nelle sue aspettative, nei suoi schemi. Nazaret è la tentazione dell’esclusiva, luogo del compiacimento, dove l’identità è affermata e riconosciuta, una realtà chiusa, talvolta sulla difensiva. Nazaret è il tempo della nostalgia, luogo incapace di riconoscere il nuovo di Dio tanto è vero che non tarderà a scacciare Gesù quando questi avrà la pretesa di scardinare equilibri consolidati.

Cafarnao, dove Gesù discende, dice, invece, la disponibilità a misurarsi con una realtà altra rispetto a quella di un tempo, il riconoscere che qualcosa è mutato e perciò la preoccupazione non può essere quella di ri-editare un passato che non è più ma quella di lasciarsi interpellare dal nuovo che incalza. Discendere a Cafarnao significa accogliere la sfida della complessità, misurarsi con l’alternativa, accettare il confronto. Stare là dove la gente vive, non dove vorremmo che viva. Non sfugge a nessuno, credo, come non sia facile e per nulla scontato vivere a Cafarnao. Molto più rassicurante ricreare una Nazaret permanente.

Di fronte alla complessità, infatti, il rischio è quello di essere disorientati. Con una duplice conseguenza:

  • o la rigidità che spesso sfocia in fondamentalismo
  • o la non consapevolezza di quello che siamo (perdita dell’identità).

Si può scegliere di abitare a Cafarnao solo nella misura in cui si è più che consapevoli che solo il mondo reale è il luogo della fede.

Non è chi non comprenda quali provocazioni portino con sé questi due luoghi: una Chiesa compiaciuta quando è riconosciuta perché corrisponde alle attese comuni o una Chiesa capace di sintonizzarsi sullo stile di Dio? Una Chiesa per cristiani o, piuttosto, una Chiesa di cristiani a servizio di ogni uomo?

Scendere a Cafarnao significa poi apprendere la pedagogia dei confini, imparare a stare sulla soglia, che dice la disponibilità a non sentirsi mai arrivati ma sempre disponibili a nuovi passaggi. Imparare a stare sul confine non è l’ultimo ritrovato di una moderna strategia pastorale ma un’arte da apprendere come stile permanente perché la condizione permanente dell’uomo è quella di un essere “confinato”: c’è sempre qualcosa di noi o qualcuno di noi che è di nuovo messo ai margini. Ecco perché apprendere la pedagogia dei confini è operazione mai conclusa: la tentazione, infatti, potrebbe essere quella di creare un nuovo centro. La sfida, invece, è quella di riconoscere i nuovi confini e i nuovi confinati.

Scendere a Cafarnao è frutto di una scelta: Gesù, infatti, sceglie di abitare a Cafarnao e di annunciare che anche là Dio si rende presente: “l’amore di Dio si è avvicinato a voi”. Dio è fedele, non scappa. A gente sperduta e ottenebrata dal male, Gesù annuncia: “Dio non si è mai allontanato da voi, è sempre stato vicino. Per questo è possibile cambiare modo di pensare”. Per questo scendere a Cafarnao è segno dell’iniziativa di Dio il quale sceglie di stare là dove è l’uomo. Foss’anche nel peccato, nelle tenebre, lì Dio sceglie di abitare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.