Non bypassare l’umano – XXI domenica del T.O.

E dire che era cominciato tutto così bene… La bella generosità di un ragazzo che aveva messo a disposizione di Gesù il poco che aveva, aveva permesso al Maestro di prendersi cura della fame di un intero popolo. Proprio quel gesto di condivisione era stato l’occasione per Gesù di rivelarsi come il cibo vero di…

È l’amore che conta… – Esequie Raffaella Losasso

Una morte improvvisa, quella di Raffaella. Di quelle che non ti danno neppure il tempo di chiedere aiuto. Sebbene rianimata a lungo dagli operatori del 118, la lunga esistenza di Raffaella si è arrestata lungo la strada di casa verosimilmente mentre stava facendo ritorno. Un’esistenza provata, come sappiamo: alla normale fatica del vivere ha dovuto…

Che cosa devo fare? – Esequie Guido Lombardi

Mentre prendiamo congedo dal nostro fratello Guido, la liturgia ci riconsegna alcune delle domande che più manifestano l’insoddisfazione di fondo che accompagna non poche nostre giornate: Che cosa devo fare…? Che cosa mi manca? Viene per tutti il momento in cui ci si chiede che cos’è che conta davvero nella vita, per che cosa vale…

Un cibo vale l’altro? – XX domenica del T.O.

La vita fisica, com’è a tutti noto, abbisogna di nutrimento per alimentarsi, crescere, svilupparsi, sostenersi. È noto, poi, che un cibo non vale l’altro: c’è cibo e cibo. Ci sono alimenti che sebbene gradevoli, per taluni possono addirittura diventare fatali: provate a dare dei dolci ad un diabetico! È necessario, quindi, un sano discernimento nonché…

L’educazione dello sguardo – Assunzione della B.V. Maria

Ci è capitato di avere a che fare con qualcuno pronto a indicarci una meta da raggiungere o un obiettivo da perseguire e, tuttavia, non poche volte abbiamo poi provato la fatica del metterci in cammino perché non ci veniva indicata la strada. La festa dell’Assunzione di Maria non solo ci indica la meta da…

L’umano che non basta – XIX domenica del T.O.

Ci seduce la ricerca dello straordinario, inutile dirlo. Ci affascina ciò che ha il carattere del sorprendente, del sensazionale, dell’appagante. Ci ammalia tutto ciò che ha niente da spartire con il già visto, il già conosciuto. È come se fossimo disposti a dare credito solo a ciò che è oltre l’umile misura delle cose, oltre…

La grandezza della fede – Sabato della XVIII settimana del T.O.

A rischio di vacillare… sempre così è la fede. Tanto più quando davanti a noi cogliamo solo i segni della devastazione, della impossibilità a sperare qualcosa di diverso, di nuovo. ”Soccombe – sosteneva Abacuc – chi non ha l’animo retto”. Si arrende chi non ha più qualcuno a cui rinnovare il proprio credito di fiducia….